Credits to Pixabay.com

Fascicolo 11/2019

Abstract. Lo scorso 7 febbraio, è stata presentata alla Camera dei Deputati una proposta di legge (A.C. 1580 – Cantalamessa ed altri)[1] volta a modificare l’attuale formulazione dell’art. 97 c.p. nel senso di ridurre il limite di età per l’imputabilità del soggetto minorerenne da quattordici a dodici anni. Affrontare una questione di straordinaria delicatezza quale è quella oggetto della presente proposta di legge richiede, a nostro avviso, l’adozione di un approccio integrato, suscettibile di mettere in relazione le opportune valutazioni di tipo penalistico e criminologico con le indicazioni provenienti da diversi campi del sapere extragiuridici. Pertanto, abbiamo chiesto un gruppo di esperti in svariate materie (dal diritto, alla criminologia, alla filosofia, alla semiotica, alla psicologia, alla psicoanalisi, alle neuroscienze e alle scienze computazionali) di condividere, ciascuno con riferimento al proprio settore di competenza, le proprie riflessioni in materia di imputabilità degli adolescenti e dei preadolescenti a partire dalla citata posposta di legge. Abbiamo sottoposto a tutti gli intervistati i medesimi quesiti, ossia:
i) dal Suo punto vista professionale, ritiene che sia sensato abbassare la soglia di imputabilità penale del minorenne autore di reato da 14 anni (soglia attuale) a 12 anni? Perché?
ii) nel caso in cui la proposta dovesse tradursi in legge, quali sono, dal punto di vista scientifico, i possibili rischi o, viceversa, i vantaggi (a seconda della risposta data in precedenza) della sua entrata in vigore?
iii) Eventuali suggerimenti in proposito? 
Il presente documento contiene una sintesi ragionata delle risposte ricevute e delle considerazioni formulate dai nostri intervistati.

 

SOMMARIO: 1. Sulla presunta maggiore maturità dei minori di oggi rispetto al passato. – 2. Il problema della variabilità del livello di maturazione degli adolescenti e cause di tale variabilità. – 3. Sulla necessità di un approccio multidimensionale e multilivello al problema dell’imputabilità minorile. – 4. Le conclusioni degli intervistati in ordine alla presente proposta di legge. – 5. Le possibili soluzioni alternative e i suggerimenti formulati dagli intervistati in relazione al problema dell’imputabilità minorile. – 5.1. La necessità di un approccio metodologico integrato. – 5.2. In particolare: il possibile apporto delle neuroscienze. – 5.3. Il potenziamento degli strumenti giuridici già esistenti.

 

In particolare, sono stati coinvolti nel presente lavoro i seguenti Autori, a cui va il nostro più sentito ringraziamento per la disponibilità dimostrata e per la preziosa collaborazione:

  • Giovanni Berlucchi – Professore emerito di Fisiologia e Psicologia presso il Dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento dell’Università degli Studi di Verona
  • Lucio Camaldo – Professore associato di Diritto processuale penale presso l’Università degli Studi di Milano
  • Antonio Cerasa – RRicercatore IBFM – Centro Nazionale delle Ricerche (CNR) e Professore Aggregato di Psicologia Fisiologica all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro
  • Anna Lucchelli – Avvocato del Foro di Milano e Presidente della Camera Minorile di Milano
  • Alfio Maggiolini – Psicoterapeuta, docente di Psicologia del ciclo di vita presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca
  • Franco Martelli – Medico chirurgo, specialista in Psichiatria e in Criminologia clinica
  • Alessandro Rudelli – Sociosemiotico, Consulente Criminologo nei servizi di diagnosi e cura per minori assuntori di sostanze e Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Milano
  • Cristina Saottini – Psicoterapeuta, psicoanalista e Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Milano
  • Chiara Scivoletto – Professore Associato di Sociologia giuridica, della devianza e del mutamento sociale presso l’Università degli Studi di Parma
  • Piergiorgio Strata – Professore Emerito di Neurofisiologia presso il dipartimento di Neuroscienze all’Università di Torino
  • Mario Tantalo – già Professore di Psicopatologia forense presso l’Università degli Studi di Padova; Medico, Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni ed in Criminologia Clinica

 

Nella sezione Interviste, è inoltre disponibile la versione integrale degli interventi di alcuni degli esperti coinvolti, cui è possibile accedere altresì cliccando sui singoli link qui sotto:

 

Per leggere la Riflessione, clicca su “apri allegato”.

 


[1] Cfr. il testo della proposta di legge recante “Modifiche al codice penale e alle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 448, in materia di imputabilità dei minori e di pene applicabili a essi nel caso di partecipazione ad associazione mafiosa” (1580).

Altro

Un incontro di saperi sull’uomo e sulla società
per far emergere l’inatteso e il non detto nel diritto penale

 

ISSN 2612-677X
ISSN (Fascicoli) 2704-6516