Credits to Unsplash.com
23.09.2020
Luca Santa Maria

Environmental criminal law, yesterday, today and tomorrow: news of an announced failure

Issue 9/2020

Article originally published in Il Fatto Quotidiano, July 9, 2020, in the weekly column “Giustizia di Fatto“, by Antonio Massari.

We thank the Editor of Il Fatto Quotidiano for their kind permission.

***

«Il primo grande processo italiano in materia ambientale è stato il processo intentato dal PM di Venezia, Felice Casson, contro il gotha della chimica italiana, Montedison ed Eni per il Petrolchimico di Porto Marghera, a cavallo dei due secoli.

I disastri ambientali, in verità, c’erano anche prima: il capitalismo italiano, come in altri Paesi, produsse, con l’accelerazione dell’industrializzazione, gravi danni dell’acqua, della terra e dell’aria, ma tutto era accaduto nel silenzio di tutti o quasi tutti noi, PM e Giudici compresi. Il diritto penale tollerava.

Proprio il processo al Petrolchimico di Porto Marghera rese evidente lo storico ritardo del diritto italiano e del diritto penale in particolare nel fronteggiare gli effetti collaterali sull’ambiente e sulla salute umana della industrializzazione […].

Tutti sapevano, ma la verità è che tutti non vedevano e quindi tacevano. Nel nuovo secolo PM e talvolta anche Giudici, hanno scoperto altri disastri ambientali i cui responsabili non erano apparsi tali quando commettevano quei fatti. Ma ora che i fatti venivano alla luce i responsabili non c’erano più da tempo. I disastri ambientali erano già quasi tutti accaduti.

Come è potuto accadere?».

 

To read the Reflection, click on “open file”.

More

A meeting of knowledge on individual and society
to bring out the unexpected and the unspoken in criminal law

 

ISSN 2612-677X (website)
ISSN 2704-6516 (journal)

 

The Journal does not impose any article processing charges (APC) or submission charges