23 Settembre 2019
Redazione

Artificial Intelligence and Law Enforcement: an Ally or an Adversary?

Conferenza Vienna, 23-24 settembre 2019

Dal 23 al 24 settembre 2019, a Vienna, in Austria, si terrà la nuova edizione dell’Annual Police Experts Meeting (APEM), evento organizzato dalla Presidenza Slovacca dell’OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa) con il supporto del Dipartimento per il contrasto alle minacce transnazionali e dell’Unità per le questioni  strategiche di polizia del Segretariato dell’OSCE.

La Conferenza, dedicata al tema Artificial Intelligence and Law Enforcement: an Ally or an Adversary? e a cui prenderanno parte esperti delle forze dell’ordine, professionisti operanti nel campo della giustizia penale, esponenti delle delegazioni dell’OSCE, rappresentanti di organizzazioni regionali e internazionali, specialisti e ricercatori del settore, intende essere un’occasione di discussione e di riflessione sulle «potenziali implicazioni degli sviluppi in AI per il lavoro delle autorità e delle agenzie di contrasto»[1].

L’evento si strutturerà in tre sessioni principali.
La prima sarà dedicata ad un’introduzione del concetto di intelligenza artificiale e alla trattazione dell’impiego delle tecnologie dell’AI nell’ambito delle attività svolte dalle autorità e dalle agenzie governative. In questa occasione, i partecipanti avranno modo di vedere alcuni strumenti di intelligenza artificiale attualmente in uso, o in corso di sperimentazione, da parte delle forze dell’ordine, dei quali saranno illustrati, da un lato, le potenzialità e i benefici e, dall’altro lato, i limiti e le criticità.

La seconda sessione sarà incentrata sui possibili scenari futuri connessi all’uso “improprio” delle tecnologie IA, quali, ad esempio, quelli aventi finalità criminose. Saranno così analizzate le condotte antigiuridiche che risultanto essere agevolate dall’impiego di sistemti di intelligenza artificiale, tra cui i crimini informatici, economici ed ambientali, i traffici internazionali di sostanze stupefacenti e di altri prodotti illeciti, la trattata di esseri umani.

La terza ed ultima sessione affronterà i principali problemi giuridici, etici e di genere, nonché quelli legati alla tutela dei diritti umani, posti dall’applicazione, a livello governativo, delle tecnologie basate sull’intelligenza artificiale.

 

Per scaricare il programma della Conferenza e per ogni ulteriore le informazione, clicca su “apri allegato”.

_____________________________________

 

[1] «Potential implications of developments in AI for the work of law enforcement authorities and agencies» (dalla home page del sito dedicato alla conferenza – traduzione a cura della Redazione)

Un incontro di saperi sull’uomo e sulla società
per far emergere l’inatteso e il non detto nel diritto penale