Credits to Pixabay.com
20.11.2019
Fabio Basile

La tutela delle donne dalla violenza dell’uomo: dal Codice Rocco… al Codice Rosso

Fascicolo 11/2019

Il presente testo costituisce una rielaborazione, aggiornata alle numerose novità introdotte dalla legge n. 69 del 2019, del saggio originariamente pubblicato su Criminalia 2019, con il titolo Violenza sulle donne e legge penale: a che punto siamo?

 

Abstract. La tutela delle donne dalla violenza dell’uomo non può scaturire magicamente da interventi legislativi meramente punitivi, ma soltanto da una politica criminale – e prim’ancora, da una politica sociale – ampia e variegata, che tra l’altro risulti capace di superare antiche incrostazioni culturali sessiste (le quali si rispecchiavano in alcune norme del codice Rocco), miri ad una seria prevenzione della violenza (anche con interventi sui soggetti violenti che riducano il rischio di escalation o comunque di recidiva della violenza) e offra assistenza – fuori e dentro il processo penale – alla donna, vittima della violenza. L’ultima novella legislativa – il c.d. codice Rosso – centra solo in parte i predetti obiettivi.  

 

SOMMARIO: 1. Considerazioni introduttive. – 2. La matrice “sessista” del Codice Rocco del 1930. – 3. Le novelle legislative degli ultimi anni. – 3.1. Matrice “protettiva” o matrice “securitaria”? – 3.2. La legge anti-stalking del 2009. – 3.3. La legge c.d. “sul femminicidio” del 2013. – 3.4. La legge c.d. “codice rosso” del 2019. – 3.4.1. Le modifiche al codice penale. – 3.4.2. Le modifiche al codice di procedura penale. – 4. Quando punire non basta: le radici socio-culturali della violenza sulle donne.

 

Per leggere la Riflessione, clicca su “apri allegato”.

Altro

Un incontro di saperi sull’uomo e sulla società
per far emergere l’inatteso e il non detto nel diritto penale

 

ISSN 2612-677X
ISSN (Fascicoli) 2704-6516